Archivi tag: Voci e silenzi

Voci e silenzi di prigionia @ Modena, 11 dic 2015

Venerdì 11 dicembre 2015, ore 17
Modena, Università degli Studi (Dipart. di Economia),
Biblioteca di Economia Sebastiano Brusco
(via Berengario 51)

Presentazione del volume
Voci e silenzi di prigionia.
Cellelager 1917-1918

  • Marco Fincardi (Università di Venezia)
    discuterà con Giovanna Procacci, curatrice del libro
    “La società italiana e la Grande Guerra”
  • Giuliano Albarani (Istituto Storico della Resistenza di Modena) discuterà con Rolando Anni e Carlo Perucchetti, curatori del libro “Voci e silenzi di prigionia. Cellelager 1917-1918”
  • Coordina Andrea Giuntini
    (Dipartimento di Economia Marco Biagi)

Per info:
Carlo Perucchetti, 347 0572693 · carlo.perucchetti50@gmail.com

La presentazione è aperta ad ogni componente del Dipartimento,
studenti inclusi, e al pubblico

Annunci

MOSTRA Gefangenen. Arte a Cellelager 1917-1918 @ Brescia

da sabato 23 maggio a domenica 7 giugno 2015
 Brescia, Chiesa di San Zenone all’Arco 
(vicolo San Zenone 4)

Mostra Gefangenen.
Arte a Cellelager 1917-1918

sabato 23 maggio h 16 | Presentazione della mostra e del libro
Voci e silenzi di prigionia. Cellelager 1917-1918
a cura di Rolando Anni e Carlo Perucchetti
(Roma, Gangemi ed., 2015)
Vai alla scheda del libro

voci-e-silenzi-di-prigionia-cellelager-1917-1918-copertina

Parole, musica, immagini: sono le molteplici voci con cui i prigionieri di guerra del Lager tedesco di Celle, nell’Hannover, dal 1917 alla fine della Grande Guerra nel 1918, narrano fatti, momenti di vita e situazioni in gran parte inediti. Su di essi era sceso un troppo lungo silenzio, da parte dei Comandi e del Governo in primo luogo, come se i “vinti di Caporetto”, così furono definiti da uno di loro, Guido Sironi, dovessero essere vinti una seconda volta e destinati per sempre all’oblio. In questo libro emerge da quel silenzio un mondo ignorato, con le sue complesse e innumerevoli storie individuali e collettive, col suo carico di umiliazioni, dolori, fatiche, fame e freddo lungamente sopportati, malattie e morte, ma anche di insopprimibile desiderio di vita. Rimasti per lo più sepolti per molti anni negli archivi familiari, diari, memorie e testimonianze ora possono riprendere voce e raccontare i pensieri, le azioni, i sentimenti dei prigionieri.

Brescia mostra Gefangenen 23 maggio-7 giugno 2015

In collaborazione con Associazione per l’Arte Le Stelle

Per info:
Carlo Perucchetti, carlo.perucchetti@tin.it | 0522 672272
Associazione per l’Arte Le Stelle, info@artelestelle.it